AMANDO IL LONFO: ALESSANDRA BERATTO 

(by I.T.K.) Vorrei presentarVi oggi un medico veterinario innamorato del…Lonfo. Metasemantica ha conquistato la sua mente e, nonostante il passare del tempo, sta ancora influenzando il mondo della sua scrittura. 

ALESSANDRA BERATTO  nata ad Ivrea (Torino) il 5 aprile del 1963 , maturità classica al liceo C. Botta di Ivrea e poi laurea in medicina veterinaria Università di Torino . Libero professionista per animali d’affezione . Fino al giro di boa dei 50 anni fare il medico è stato il fulcro della mia vita …poi nel 2013 ho riscoperto la voglia di scrivere soprattutto filastrocche . Avendone scritte più di 80 in un anno e avendo esaurito tutti i soggetti su cui scrivere , ho incominciato a scrivere non in rima e poi …….affascinata dal Lonfo declamato da Gigi Proietti come gioco di assonanze mi sono detta “ e perché no ..” e ho tentato di mettere per scritto quel gioco di parole , gioco un pochino irriverente che sento dentro e che mi fa sorridere alla vita anche quando le giornate diventano pesanti. 

IL BRAMAGIO OVVERO IL CERVO

Festosa Primanza , al fin del Tristagio ,
tra frondi e fioragli leggiandra s’insiglia .
Il Bramagio fieroso incede eleganzo ,
nasandra curioso novelle baccaglie .
Zimpia felicio tra olenti sambrenti
splendora sovrano di triffa boschiglia.
Porta con grazia il manto fulvigno
e tra origlie alerte regale cornanza .
Primanza festosa del tempo novello
porta spadagni e amorandre borrasche .
Trova al fin Bramagia dulcigna ,
solerzio s’allata maritanza donando .
Fieroso il Bramagio di futuri parghelli
mai s’incruccia di umani rovelli .
Splendora fulvigno con regale cornanza,
vessillo nobilio e non di umana mancanza .

IL PACIOTTO OVVERO IL PASSEROTTO 

Tra brandi ariosi di vario trigonzo
sfrullando e cinciando aleggia il Paciotto.
Gonfioso stronfiante di larda piumazza
cicippia festivo e beato gorlicchia .
Burloso si appalla nel niglio paglioso
occhiando solpigio il mondo rumbante.
Salticchia e poi ala in un farullo vortiglio
goldoso vironda in buscaglia di zinzo .
Or saziolasso di tanta crapuglia
nel niglio paglioso s’appalla gordello .
Felicio dormiglia in calda nottiglia
sognicchia soave , anfratto e tondello .
Però poi al fin per lo zinzo indigendro
come aquilargia rapigna rifrulla
e piumaglio bomboso ruttiglia 

L’ARDIATTOLO OVVERO LO SCOIATTOLO 

Velfluido zampiglia tra brandi fogliosi
corricchia e saltiglia con fruschi gestagli.
Occhietti ladrigni in continua viglianza
in busca autugna di ciombole e bacche .
Mai si gorlanda in ozio malpigio
obrando solerzio raspiglia e limpiaglia.
Se di ciombole e bacche il niglio bombazza
vanesio sul brando il mantigno si lambia.
L’inverno nevasco si acerca in celerzia
lungimiro s’appalla nel niglio zeppigno.
Aspetta il Quartese con ciombole e bacche
al sicuro beato nella piumosa appendiglia .

Tutti i diritti riservati all’autrice 


Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s