CON UN SORRISO: “LA MELANZANA INNAMORATA” DI ROBERTO MARZANO 

Tratto dall’articolo “La poesia ironica va di fesa… di tacchino” di Roberto Marzano: 

(…) Poesia e ironia. A prescindere che le due parole incontrandosi in una rima baciata che più baciata non si può, sono di per sé un fatto già abbastanza ironico, al punto che il discorso potrebbe chiudersi qui: punto. Ciò sarebbe di sicuro irriverente, forse poco poetico, ma indubbiamente beffardo, perché ironia è anche sorpresa e lo spiazzamento un ingrediente basilare per condurre l’incauto lettore in meandri imprevisti, quasi metafisici, dove ci si fa allegramente un baffo di stereotipi e luoghi comuni. E allora, una melanzana trova voce per dichiarare il proprio amore al cuoco che la riduce in cubetti (…): 

LA MELANZANA INNAMORATA

Prendimi, strizzami, 
scompigliami il peduncolo
vìola il mio corpo viòla 
col tuo pugnale adunco
affettami, trafiggimi
intrugliami con l’aglio
riducimi in cubetti, confondimi il cervello
e, dopo, aspergimi 
di sale, di prezzemolo
spadellami nell’olio
sfrigolerò d’amore
io, solanacea timida
dei tuoi occhi cotta
oserei dir… son fritta!
se non fosse che per te
io me ne muoio…

Roberto Marzano
Tutti i diritti riservati all’autore

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s