“Poveri, ricchi e benestanti” ovvero lo studio critico di Giulio Sacchetti: una inedita concettualizzazione del benessere economico (a cura di Sabrina Santamaria).

“Poveri, ricchi e benestanti” ovvero lo studio critico di Giulio Sacchetti: una inedita concettualizzazione del benessere economico.

Un’analisi attenta e critica della situazione italiana degli ultimi anni, un nuovo modo di considerare l’assetto economico-sociale italiano che vuole concentrarsi davvero sulle reali esigenze della popolazione. Uno studio molto certosino e minuzioso che ricontestualizza totalmente, a mio giudizio, concetti come povertà, ricchezza, benessere economico: “La povertà estrema (o assoluta) è basata su un paniere di consumo minimo, dove non si dispone delle primarie necessità (come acqua, cibo, vestiario ed abitazione). […] La povertà relativa, invece, è la percentuale del reddito medio che fa riferimento ad una soglia convenzionale, adottata intenzionalmente e individuata attraverso il consumo pro capite, o reddito medio, che considera povera una famiglia di due persone adulte con un consumo inferiore a quello individuale dello stato nazionale”. Lo scopo di Sacchetti è quello di gettare abbagli di luce su una mentalità che vorrebbe attanagliarsi completamente nei meandri della società anche meno abbiente secondo la quale la povertà è solo correlata agli indici di reddito pro capite o ai dati di disoccupazione sociale, in realtà la povertà abbraccia fasce di popolazioni sempre più ampie e non si misura solamente sulla base di possedere uno stipendio oppure no, ma vi sono diverse variabili da considerare e tenere assolutamente presenti: la qualità delle condizioni igienico-sanitarie, la possibilità di potersi permettere le adeguate cure sanitarie ed anche alla facoltà di poter possedere livelli di istruzione oltre la scuola secondaria: “ Scuola, università, lavoro dovrebbero essere i percorsi naturali che, senza pause ed interruzioni, potrebbero consentire al ceto medio di rivitalizzare la propria presenza nella società”. Sacchetti mi ha fatta riflettere molto su queste tematiche che non vanno assolutamente trascurate che riguardano tutto il pianeta. Il nostro autore ci fa notare che il numero dei “nuovi poveri” è aumentato considerevolmente e senza sosta negli ultimi anni del nuovo millennio, l’inflazione è stato un fenomeno che ha influito notevolmente sulle famiglie italiane soprattutto nel ceto medio: “ Il ceto medio, di fronte ai colpi della globalizzazione, che ha imposto profondi cambiamenti, sembra relegato in un angolo e pare, addirittura, che stia uscendo fuori di scena”, ma anche in Europa e negli USA volendo allargarci in modo ampio alla situazione dell’Eu. Lo scopo del Nostro è quello di aprire nuove prospettive e nuovi scenari con occhio clinico e in modo ponderato considerando le ultime statistiche dell’Istat e gli ultimi dati forniti dagli enti più attendibili, mettendoli a confronto in modo critico. Sacchetti mi ha fatto fare dei salti indietro ai miei studi della triennale quando in alcuni corsi di filosofia contemporanea approfondivamo i concetti del filosofo indiano Amartya Sen, il quale ha vinto il premio Nobel nel 1998 per l’economia, il suo criterio delle capacitazioni si incrocia perfettamente con l’itinerario del Nostro. Leggendo questo libro mi è venuto il “banchiere dei poveri” Mahumud Yunus che ha risollevato le sorti del suo paese, anche lui vincitore del Premio Nobel nel 2006, ha finanziato dei prestiti per i suoi compaesani dando loro possibilità di vita migliori.

Sabrina Santamaria

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s