I FRESCHI GERMOGLI: LAURA CALABRÒ

(by I.T.Kostka) Eppure non è morta quella forte voglia di poetare, di condividere le turbolenze e le inquietudini di un animo creativo. Quello spirito artistico di una ventenne fanciulla nata e avvolta nel calore di Messina. Passionale e intensa, come la Sicilia, vaga tra la ricerca e le classiche influenze, tra la riflessione e il giovane incolmabile ardore, tra le grida e le domande nate dalla sua penna. Un linguaggio incisivo, a volte con qualche dose di stilistica esaltazione dovuta alla dolce giovinezza, ma sicuramente di grande impatto emotivo. Laura Calabrò merita l’attenzione e con simpatia accogliamo i versi di questa esordiente artista nella nostra rubrica dedicata ai FRESCHI BOCCIOLI della letteratura. Al talento della giovane poetessa auguriamo una lunga e prolifica fioritura. 

● NOTA BIOGRAFICA

Laura Calabrò è nata a Messina il 12 aprile 1997, attualmente frequenta la facoltà di Scienze dell’informazione a Messina. È appassionata di giornalismo, ha avuto da sempre la passione per la scrittura, in particolare il suo amore per la poesia è nato per caso circa quattro anni fa quando si accinse a scrivere la sua prima poesia.

● Alcune poesie scelte:

“CARO THEO”

Scrivo per dei ciechi,
leggo a dei sordi,
nessuno comprende.
“Caro Theo..”
Solo la vista del
cielo mi fa sognare;
“Caro Theo..”
Solo dopo l’orizzonte
trovo la serenità.
Do vita a parole 
simili a crepe sui muri.
La mia penna seppur
consumata non smette di
dipingere parole su
un foglio ormai
troppo stanco.

*

L’INGANNEVOLE CUORE

Staccati da questo
corpo, oh anima!
Non vedi le brutture a cui
esso è soggetto?
Lascialo, lascialo morire,
dentro di sé ha un mostro
che lo divora, che
lo lacera.
Dentro il suo petto batte
il peggiore dei
mali.
Lascialo dov’è, incatenato
come Prometeo, lascia che
l’aquila divori
non il fegato,
ma il cuore,
costui è la causa
di una moltitudine
di mali, merita di
non esistere.
Anima, non avere compassione
dell’ingannevole cuore!
Ha una forza sovrumana,
lotta come un esercito
di arditi guerrieri,
resiste come uno scoglio
che s’affaccia sul mare
in tempesta,
seduce quanto la voce
di donna e uccide
senza pietà come la morte.
Non dargli ascolto, liberatene
piuttosto, oh anima, prima
che il suo nero
dolor invada ogni membra
dell’intelletto tuo.

*

LA SCALA INFINITA DI PENROSE

Al di sopra
di quest’ involucro
danzano le galassie
all’unisono;
le stelle si
preoccupano di
brillare sempre
più intensamente;
gli angoli oscuri
di quest’ universo
s’addolciscono e
alla vista appaiono
meno spaventosi.
Noi, invece,
camminiamo goffi,
muovendo i nostri
passi pesanti
su quest’infinita scala
di Penrose;
ci adagiamo su
quest’ intenso moto che
appaga i nostri
desideri distrutti.
Siamo degli esseri
stanchi, curvi
ma continuiamo a trascinarci
verso un finale
senza lieto fine.

Laura Calabrò

Tutti i diritti riservati all’autrice

Advertisements

FRESCHI GERMOGLI: MAURO CESARETTI 

(by I.T.K.) La poesia? Non è un paese per giovani… Spesso sembra proprio così perché, con tutta la mia stima e rispetto, ovunque, a quasi tutti gli eventi poetici domina la presenza di “over -anta”. Me compresa! Ormai la mia acerba età è volata via da un bel po’ di tempo insieme allo smog milanese. Per questo motivo, come uno dei principali, credo che sia giusto stimolare e apprezzare ogni nuova e fresca gemma spuntata coraggiosamente sul palcoscenico della Corte di Apollo. Sicuramente merita la nostra attenzione un giovane artista di nome Mauro Cesaretti.  Un tipo pittoresco e assai ipnotizzante con i suoi oltre 190 cm di altezza, il fisico affusolato e… la fisionomia che descriverei, con simpatia, come un “Intellettuale Ribelle” Conte Montecristo. Decisamente non passa inosservato e trasmette anche una grande potenzialità artistica e teatrale “nella fase di sviluppo”.  Ecco alcuni suoi dati biografici:  

MAURO CESARETTI nasce ad Ancona nel 1996 da padre insegnante e madre impiegata. Recita fin da piccolo con il Teatro Stabile delle Marche interrompendo l’attività nel 2007. Successivamente inizia a frequentare l’Accademia Musicale di Ancona suonando il pianoforte e cimentandosi nel canto. All’età di 11 anni si appassiona al mondo della poesia e inizia a seguire eventi legati alla letteratura nella provincia d’Ancona. Nel 2009, dopo un anno di stallo per perfezionare la sua tecnica, riprende a scrivere. Nel 2013 pubblica la sua prima opera “Se è Vita, lo sarà per sempre” con la casa editrice Montag e diventa l’ideatore del progetto “Body Poetry”. Nel 2015 pubblica la sua seconda opera “Se è Poesia, lo sarà per sempre” e crea un nuovo progetto di videopoesia chiamato “Istanti”. Trasferendosi a Milano per studiare Scienze dei Beni Culturali diviene anche giornalista cinematografico per il sito Amicinema.
• 

IL CORAGGIO DELLA GLORIA

Prendete il seme della fama,
scavate il solco nelle perplessità,
porgete il sogno nella scelta
e amate il dubbio del futuro.

Curate bene i desideri altrui,
proteggete le speranze sane,
fate fiorire la vostra anima
verso le porte che vi si aprono.

Sappiate crescere il presente,
far scrigno delle vostre sicurezze,
al fine di coglierne i risultati
senza mai piegarvi al sospetto.

L’AMOR CHE AVANZA

Paura di nuotare nell’acqua dolce,
di affrontare da soli fiumi irrequieti,
di imbattersi verso violente rivolte.

Valicare le sfide spianando il tragitto
portando giudizio all’eterno amore,
cercando di balenare nei campi elisii.

Forza, ecco la virtù che deve allagare
costantemente gli innamorati animi
di tutti coloro che han colpa d’amarsi.

Diritti riservati all’autore

Durante la 11° serata del ciclo culturale Verseggiando sotto gli astri di Milano  “Araba Fenice”, Centro di Ricerca e Formazione Scientifica Cerifos di Milano, aprile 2017.