“GRAZIE A TE” di MARIA ROSA ONETO

Prosa poetica: ” Grazie a Te”

Grazie a Te che la vita rinnovi su balconi fioriti di gardenie.
Negli anfratti sinuosi di ruscelli in piena.
Sopra colline che il sole incendia e le nuvole fanno da “coperchio”.
Grazie a Te che splendi d’acqua sorgiva e rifletti il cielo in una mano.
Carezze impetuose rilasciate dal vento su alberi che la stagione ha ingiallito.
Mi siedo in silenzio a bere l’onda di un mare in eterno movimento.
Non batto ciglio all’avvicinarsi del temporale, che accende di fulmini ogni tempesta.
Attendo la quiete di un giorno qualunque come fosse il primo o l’ultimo che ci attende.
In penombra, un libro mi accompagna lontano dove il deserto si fa campagna, pianura assetata da mandrie scalpitanti. Grattacielo che punta in alto, a rincorrere i sogni tra palloncini colorati.
Grazie a Te che mi sei Madre, benefica e maliarda.
Sorella amorevole, sempre attenta e prodiga.
Fanciulla vestita a festa, anche quando il pallore della vecchiaia morde le guance.
Il fiato si accorcia e la fiamma di una candela spegne lo sguardo.
Grazie a Te che sai vincere il rammarico e la nostalgia.
I ricordi consumati e stanchi. La noia messa sulle spalle come una sciarpa senza ricami.
Ancora Ti cerco, fra il pensiero e l’affanno, alla meraviglia del bello, creato ad arte.
Nella visione dionisiaca di un fiore tramutato in farfalla. In carteggi di tenebre che offuscano il sonno. Nei taciti risvegli dietro una persiana chiusa. Negli amori consumati in fretta e subito dimenticati. Nelle ore che non passano mai e in quelle che scrivo per lasciare qualcosa di me.
Grazie a Te, Speranza, Ti aspetto sempre con fare insistente, invocandoTi a voce alta, perché sia Fede, l’Amore che ho per Te.

Maria Rosa Oneto

Foto Pixabay

Advertisements

“GENTE DI RIVIERA” di MARIA ROSA ONETO

Prosa:

“Gente di Riviera”

Per noi Gente di Riviera, il mare è un sogno avverato, una particella di cielo diluita nell’Oceano, un’avventura senza contorni che toglie scampoli alla terra e affonda l’intensità di ogni anima, in un abisso profondo.
Il mare, non è mai silenzioso, indolente, capriccioso al punto tale da non lasciarsi domare.
Sovente, scorre nelle vene, insieme al sangue e si fa vento di Ponente, luccicor dell’alba, stella del mattino che richiama i gabbiani e gli umili viandanti che seguono inesorabili i soliti pensieri.
Il mare, carne della mia carne è lo iodio che turbina il respiro. Salinità allo stato puro che disegna pagliuzze di cristallo sulla pelle nuda.
Trasparenza di onde contorte, schiumature di un verde smeraldo, “spuma da barba” per rose bianche, scarlatte o pennellate di giallo.
Lo vedi, lo senti e ti appartiene come il figlio che hai partorito. Docile, fremente, come donna innamorata. La sua voce son mille sussurri e suoni. Stramberie arcaiche o sonetti di frontiera. Ti parla e tu l’ascolti. L’umiltà dell’acqua cheta, trascinante ingorgo che si espande al largo. Va e ritorna con flusso costante. Catena di montaggio che sfrigola ore, meccanismi, ingranaggi. Si eleva e ripiomba traendo calma, brezza di Levante che avvince gli scogli, la costiera, quell’offerta di case allineate cosi simili ai gelati.
Lo adori perché ci sei nata e ogni notte reciti la sua stessa preghiera. Anche da lontano, ne avverti la presenza. Ride come un giovane stolto, avventato. Piange con rugosità cavernose, quando il buio lo nasconde, lo affligge. Lo abbandona.
Cadono stelle che non si bagnano e restano a galla nel tracciare la rotta ai naviganti, ai pesci muti in eterna lotta con la vita. Raccoglie uomini, donne e bimbi che non hanno paura di attraversare il Mondo. Di notte hanno lo stesso incarnato e uno spirito d’ebano per affrontare i marosi. Lo sapevamo che, il mare, non vuole soltanto scaglie d’argento e voli di aironi. O pipe di vecchi pescatori e messaggi chiusi in bottiglia da secoli in attesa di essere letti.
Il mare, spesso, è un violento usurpatore.
Un demone in gara con l’Inferno. Un mitico guerriero senza Patria e senza Padroni.
La sua presenza, simile a quella di un nobile giustiziere, si estende su questa landa imbarbarita che muore a stento di peccati, vergogne e denari rubati; per rendere ogni essere umano, sempre più debole, inutile e schiavo.
Una vela ancor si estende all’orizzonte e sbuffa: pace e speranza in un azzurro infinito.

MARIA ROSA ONETO

Foto Pixabay

“IL TEMPO: I SUOI RICORDI” di MARIA ROSA ONETO

PROSA: “Il tempo: i suoi ricordi” di Maria Rosa Oneto.

Ho sempre vestito l’anima di solitudine e malinconia.
Non sono mai stata bambina con riccioli di spensieratezza, poggiati sul cuscino.
Dalle vetrate, dove mi specchiavo, entravano il rumore del mare e un sole capace di stordire il cuore.
Era pur sempre una corsia d’ospedale, piena di pianti, di odori disgustosi e di “trappole” per confondere i pensieri. Ridevo anche senza poter camminare o zoppicando affannata per quei lunghi corridoi dove il silenzio imperava e la paura si stendeva sui muri, sopra le vesti di frati e suore. Di infermiere dal ghigno malefico.
I feti indesiderati, galleggiavano in ampolle di vetro, creando domande senza risposta alle nostre piccole menti innocenti. Il cibo, servito in ciotole di metallo era vomitevole al pari forse di quello dei carcerati. La penombra che invadeva il reparto, sapeva di strani segreti, di bugie edulcorate dalla fantasia, di verità nascoste tra bisturi e garze.
Il ronzio di una “sega” che tagliava i gessi, metteva addosso un terrore sconfinato. Quando avrebbero reciso: un arto, una gamba, un braccio! Tremavano come fiori in un campo di grano. Sottile era l’immagine del dolore. Così impalpabile e trattenuto come una crisalide nell’atto di sbocciare. Scorrevano lacrime, subito asciugate per il timore di essere considerati: inutili, incapaci e fragili. Tenevamo tutto dentro senza pretendere altro. Crescevamo in fretta, non tanto di statura, ma nel desiderio di liberarci, di tornare a casa, di riprenderci la normalità di una vita che purtroppo non sarebbe mai stata normale.
Povere Creature, segnate dal destino, al frantumarsi di sogni appena iniziati. Con la ritrosia di un’adolescenza che turbinava lo spirito, riempiva la pelle di brividi d’amore, provocando una sessualità più letta che goduta.
Spruzzi di erotismo in una speranza familiare sempre più ottusa e chiusa all’esistenza.

Maria Rosa Oneto

Foto Pixabay

“LA VOCE DELL’ANIMA” di MARIA ROSA ONETO

Titolo: “La Voce dell’Anima”

La Voce dell’Anima, ha un intercalare profondo, silente. Un sussurro lieve che scuote la notte come una tempesta improvvisa. Un miagolio assordante che rimbomba nel profondo simile ad un eco, carico di bugie, peccati e sensi di colpa.
Diluvia pensieri, parole accennate, nodi scorsoi dai quali penzolano: verità nascoste, melodrammi interiori, bagagli di emozioni lasciati portare via dal tempo.
La Voce dell’Anima, possente e affannata reclama perdono e pazienza. Fa riflettere e battere il petto nel momento della disperazione. Torna a ciclo continuo quando la depressione ti ha preso per mano e in maniera squilibrata e logorante mette in mostra il “ciarpame” che l’esistenza ti ha rovesciato addosso. Il decadere dei sentimenti e delle emozioni più vere, trasformano l’Anima nel “Pozzo buio delle Allucinazioni”, dove nulla sembra vero e la menzogna è un angelo cornuto.
Volentieri, ci mostriamo falsi, infingardi. Dediti a giocare a dadi con il cuore. Capaci di indossare uno scafandro, un abito monastico o la “divisa da eroi”. L’arte del trasformismo, la bravura dell’attore che recita a memoria, delle lacrime versate per finta pietà a colorare la menzogna, rappresentano il baratro più grande dove l’Anima umana sprofonda, invecchiata e rugosa.
La Voce dell’Anima, che conserva dolori, umiliazioni e ferite sanguinolenti viene liberata quando la verità trionfa. Si piange senza timore di mostrare le proprie emozioni. Si ride in quella forma consolatoria che diventa: appagamento, comunicazione, debito ormai risarcito.
La Voce dell’Anima può servirsi della gestualità corporea femminile per farsi capire e amare. Diventa così: donna, madre, amica, sorella di un unico sentire. Si vive di Anima e ad Essa ci si affida. Nel momento dello sconforto, della solitudine, dell’abbandono, nei periodi tragici che accompagnano il destino. Dialogare e stare in ascolto della propria Anima, è una metodologia spirituale e psicologica. Nel silenzio la Voce Interiore a lei si affida, senza ingombri, senza timori. Non diventa un soliloquio per pazienti isterici, bensì una sorta di confessione, di “svisceramento”, di sottomissione alla parte più intima e divina del Nostro stare al Mondo.

Maria Rosa Oneto

Foto Pixabay

“LETTERE” di MARIA ROSA ONETO

Titolo: “Lettere”

Ci sono lettere, che non scriveremo mai. Altre, che resteranno chiuse nei meandri fumosi della memoria.
Altre che non verranno mai spedite per pudore, per vergogna. O semplicemente gettate via per abitudine o per non spendere neppure un centesimo.
Lettere intrise d’amore, di passione. Fogli dove il dolore si squaglia come neve al sole. Frasi che le lacrime hanno confuso, profanato come lo smoccolare lento di una candela. Parole d’odio e rancore, virgolettate per non cadere nel volgare. Messe fra parentesi come un’equazione algebrica.
Lettere di menti malate, piene di scarabocchi e di ferite fatte con il pennino. Pensieri sull’esistenza e sul perché della morte di un filosofo in cerca di speme e fortuna. Autori, fuori stagione, che vergano la carta con inchiostro di china, imprimendovi la bocca sdentata e le mani usurate dall’invidia. Lettere sminuzzate in piccoli pezzi, gettate dalla finestra a disperdersi come coriandoli al vento.
Fiumi di parole che non hanno più suono. Sciabolate di spiriti persi che all’apparir del giorno sconfiggono i mulini a vento e le orme dei soliti passanti.
Lettere umide di piacere, di abbracci che hanno reciso la pelle. Di tremori reverenziali a guardarsi nudi, agghindati di peccati. Nell’ombra tremano persino le stelle e quei fiocchi di poesia deposti a sera sugli alberi ingialliti.
Parole. Soltanto parole, lievi come zucchero filato.
Dannose più del veleno gettato in cantina per uccidere i topi.
Lettere chiuse in bottiglia che l’Oceano inghiotte e rigetta con moto perpetuo. Diari spillati anno dopo anno che la solitudine ha sigillato per non essere mai aperti, toccati.
Lettere diventate testi di canzoni. Trame per un regista che riprende l’azione e a voce alta redarguisce gli attori
Parole messe a dimora nell’angolo segreto del cuore.
Inquietudini tracciate a matita e subito cancellate.

Maria Rosa Oneto

Foto Pixabay

“IL FILO DI LANA” di MARIA ROSA ONETO

Titolo: “Il filo di lana”

La vita è un viaggio nell’immaginario. Un sortilegio spesso senza fortuna. Una tempesta da attraversare di corsa, quando il vento strappa le vesti e sei nuda davanti al destino.
La vita è un dono d’amore. Una carezza stesa al sole, la scatola di un puzzle con tante tesserine da sistemare.
Ti prende per mano e ti sorride nell’ingenuità dell’infanzia o quando la mente resta bambina. È una strega camuffata da fatina per ogni lacrima lasciata cadere in strada. O nel silenzio ovattato di nero di un monolocale.
Si vive con la speranza stirata in cortile, sopra pile di libri che vorrebbero insegnarti ad essere felice. Studi, giochi, lavori dando un senso compiuto al “mestiere di esistere”. Ognuno ne ha uno e alcuni segretamente nascosti. Con aria di sfida, affrontiamo le incognite, gli incidenti di percorso. Da soli o assiepati ad una folla di amici e parenti. L’amore, ci giuda, spesso anche la pazzia. Siamo gentili e cortesi. Spesso irascibili e affannati. Cresciamo ricercando la felicità, i dolci piaceri dell’amore, la ricchezza economica e intellettuale. Possediamo case dove mai abiteremo. Tuguri della fame e della pestilenza, dove esordisci già vecchio, pronto alla morte con le pupille pervase da una luce immensa e il ventre deformato dalla carenza di cibo e acqua.
Viviamo diventando grandi, grandi di età. Portiamo in testa, arroganza, spavalderia, voglia di fare. Il lussureggiare dei sensi arriva spogliandoti di vergogna e castità. Questo amore, assurdo e sconvolgente, ti fa conoscere i piaceri della carne, la sensualità di due corpi frementi, il desiderio assurdo dell’Eternità. Tu e l’altro a passeggiare il Mondo, a inventare filastrocche e canzoni, a gustare la meraviglia del tempo, per chi di tempo ne ha da sprecare.
Sogni imbastiti con il cuore. Sentimenti da copiare e disfare. “Nulla si crea, nulla si distrugge!” Il cammino procede e si interseca a variegate figure di giovani, bambini, anziani.
Crediamo di non essere più soli di quando siamo nati. Gli anni travalicano i pensieri, i desideri, la malinconia. La senilità è un traguardo per chi crede che porterà a Dio. Quello che è certo che da lì inizia la fine inesorabilmente. Attimo dopo attimo, collezionando: dolori, rimpianti, vuoti di memoria, rughe e inganni. Ingobbiti come alberi senza radici. Fragili e indifesi come bimbi appena nati. Malinconici, perversi e rabbiosi nel rimpiangere il passato.
E non ci resta che cantare, appesi ad un sottile filo di lana.

Maria Rosa Oneto

Tutti i diritti riservati all’autrice

Foto Pixabay

DOMENICO GAROFALO: IL NEOCREPUSCOLARE PER ANTONOMASIA a cura di SABRINA SANTAMARIA

IL NEOCREPUSCOLARE PER ANTONOMASIA a cura di SABRINA SANTAMARIA

Lo stile di Garofalo è semplice e chiaro. La sua poetica è lineare, il suo linguaggio non è elitario. L’intento di questo autore è raggiungere un vasto numero di lettori, i termini che il Nostro usa appartengono al gergo quotidiano, le sue poesie non hanno versi imperniati da preziosismi sintattici. Egli non è il letterato che si rinchiude in una metrica classicheggiante, i suoi versi non sono imbevuti di numerose figure retoriche, Garofalo getta via lo stile metrico delle rime. Le sue opere non si possono catalogare in un genere letterario ben preciso e specifico, la sua non è esclusivamente poetica, ma è qualcosa di indefinito che si mischia alla prosa, quasi azzarderei definirla prosa-poetica, un genere nuovo, sui generis, il Nostro è come se avesse creato una cesura netta con gli stili poetici della tradizione per creare una maieutica nuova, le sue opere mi sembrano un tentativo nobile ed elegante di mettere nero su bianco i propri vissuti, quasi una prosa intimistica che si scaglia nella banalità della vita reale, ma non resta inerte la trascende, la sublima generando uno stile inedito, libera espressione del “Flusso di coscienza” Jamesiano. Garofalo fa propri i miti della letteratura mittleuropea, infatti egli afferma nell’intervista: “I miei miti non sono italiani”, il lettore già dalle prima lettura di “Acquerelli” lo percepisce, lo respira. La sua prosa-poetica è intrisa di spirito sabiano, molto mi ricorda il “Canzoniere” di Saba, anche egli poeta della chiarezza come sostiene nella sua poesia “Amai”: “Amai trite parole che non uno osava(…)”. D’altronde il letterato non è solo colui che canta o racconta dell’amore, dei sogni e dei sentimenti, ma come sostiene il Nostro chi scrive lo fa perché coglie gli attimi della vita quotidiana con occhi “vigili”, “attenti”, “vispi” e non può permettersi il lusso di rimanere staccato, scisso, avulso dal mondo, dalle problematiche sociali, anzi lo scrittore ha una responsabilità sociale maggiore, un compito superiore rispetto al lettore, il poeta, in generale l’artista ha il compito di esprimere il proprio disappunto, di denunciare le problematiche sociali. Garofalo è molto più in sintonia con scrittori come Emile Zola e la corrente francese del naturalismo ed anche Dickens con il suo “Social Commitment” infatti in romanzi come “Hard Times” e “Oliver Twist” il romanziere inglese denunciava talvolta con qualche punta di ironia le ingiustizie dell’Inghilterra Vittoriana come ad esempio i Parish Workhouses e le “Pour Laws”. In “Cambio matita” l’intenzione di Garofalo è proprio questa, egli passa dalla penna dei sentimenti alla “penna pensante” che non si rassegna, che non tollera il “massacro” dei diritti umani, il nostro autore trova illegittima ed aberrante la pena di morte, la considera contro ogni principio eticamente accettato. I suoi testi mi hanno ricordata ad un’espressione del poeta Sergio Corazzini: “Perché tu mi dici: poeta? Io non sono un poeta. Io non che un piccolo fanciullo che piange. Vedi: non ho che le lacrime da offrire al Silenzio. Perché tu mi dici: poeta? Le mie tristezze sono povere tristezze comuni. Le mie gioie furono semplici, semplici così, che se io dovessi confessarle a te arrossirei. Oggi io penso a morire.(…)”. Con “Caffè schiumato” mi ha ricondotta immediatamente alla poetica delle piccole cose, delle “cose quotidiane” di Guido Gozzano con la sua signora Felicita (“In me rivive l’animo di Pinocchio forse?”), il nostro si mostra come un sapiente saltimbanco che fornisce al lettore la chiave di volta per gioire delle piccolezze di ogni giorno che arriva, lo salva la sua spiccata spontaneità unita alla sua genuina reattività, caparbietà che si mischia alla vera classe dell’artista col suo spirito che tramuta il tedio giornaliero in qualcosa di veramente unico e speciale: “Forse un caffè schiumato, un caffè schiumato per tutti i cuori del mondo!”. Se dovessi dare un epiteto a Domenico Garofalo lo designerei come un neocrepuscolarista perché scava la felicità, la inventa quasi nell’apparente banalità del reale, così sorridiamo davanti ad un caffè schiumato “ridendo di gusto” vivendo nella pienezza dell’attimo appena vissuto! Sento una vera freschezza d’animo in Garofalo, uomo che con i suoi versi accetta la vita quotidiana e attraverso i suoi versi arricchisce quella dei suoi lettori.

Sabrina Santamaria